Skip to content

Bene, e adesso…

19 dicembre 2008

Mi sembra pacifico e anche doveroso che tutti noi, a parte i vari
incarichi di ricerca, gestionali e di manutenzione che ci siamo creati
o che abbiamo ricevuto, dovremmo anche svolgere sistematicamente il ruolo di “maestri” del webdesign, che è, ormai, “la” forma di informazione e comunicazione nel mondo.

E’ una “professione”, in realtà, difficile, perché unisce due funzioni
che di solito non stanno insieme anche se sovente sono confuse:
esperto di tecnologia dell’informazione e della comunicazione, da un
lato, ed esperto di gestione degli scopi e, poi, dei contenuti
dell’informazione e della comunicazione, dall’altro.
Significa che, di caso in caso, dobbiamo stabilire in quale dei due
àmbiti si colloca il nostro apporto.

Anche qui alla Sapienza, come altrove, le due funzioni sono in parte
mescolate e in parte distinte e non sempre, caso per caso, gli attori
del webdesign hanno chiara la funzione nella quale, di volta in volta,
sono coinvolti.

La prima proposta è che, per esempio nella definizione degli obiettivi
pluriennali di InfoSapienza – ma non solo -, sia ricavato uno spazio
abbastanza istituzionale a un’adeguata riflessione sui còmpiti
istituzionali di InfoSapienza – del caso, ma non solo – e delle altre
strutture in relazione al webdesign e, successivamente, a un’adeguata
auto-formazione (formazione interna e volontaria) al webdesign.

Be’, che se ne dice?

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: