Skip to content

Qual è lo statuto scientifico di internet?

8 giugno 2009
by

Esiste uno statuto scientifico del fenomeno Internet? Quali sono i fondamenti teorici per lo studio e l’analisi dei fenomeni legati alle tecnologie di rete?

Domande opportune, sopratutto perché hanno un riferimento diretto con la ‘competenza’ legata alla progettazione delle applicazioni tecnologiche.

Un ragionamento in ambito universitario ci porta subito a considerare che almeno una decina di facoltà (ma forse di più) hanno nella loro offerta formativa – e svolgono attività di ricerca – su materie direttamente o indirettamente collegate a internet e al web.

Indagini sociologiche, filosofiche, letterarie, informatiche, psicologiche, biblioteconomiche…

Questo evidenzia un aspetto interessante e ormai pacifico: la multidisciplinarietà.

Lo studio della materia ha di fronte a sé due rischi opposti: un eclettismo di maniera dove comprendere tutto (e il suo contrario) o all’inverso un arroccamento delle varie discipline (gli informatici con gli informatici, i comunicatori con i comunicatori, i bibliotecari e gli archivisti con i bibliotecari eccetera.)

Internet, come noi lo conosciamo, data una quindicina di anni (periodo che coincide con la nascita del web). La relativa giovinezza del fenomeno lascia grandi spazi alla sperimentazione e alla creatività.  Questo è un bene.  Ci pare però che troppo spesso le indagini scientifiche vengono fatte con strumenti propri dell’intuizione e della critica militante (giornali, blog, istant book) e non con l’analisi e il riscontro sperimentale.  Si sottopone l’oggetto dell’indagine ad una serie di pre-supposti (pre-giudizi?) corroborati da ricerche e studi realizzati da qualche guru d’oltreoceano e non si fa ricerca sul campo.

I problemi metodologici ci interessano per motivi extra accademici. Se abbiamo ragione (e ci piacerebbe discuterne con i nostri lettori – accademici e no) come è possibile fare progettazione con queste premesse?

Possiamo lamentarci se i progetti web (ad esempio) sono realizzati con il solo genio creativo di qualcuno o con la copia di siti e portali che l’opinione pubblica giudica ben fatti?

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: