Skip to content

Il nuovo assetto dell’ICT della Sapienza

8 settembre 2009
by

CavalloDunque il decreto dell’Area Infosapienza è stato firmato. Finalmente la Sapienza ha una struttura di governo della Rete, del web, della telefonia e della gestione delle carriere studenti…

Circa un anno fa nacque il Comitato Infosapienza, una sorta di politburo dell’informatica universitaria con il compito di definire la politica della Sapienza in tema di informatica e telecomunicazioni e con compiti di proposta al Consiglio di Amministrazione delle linee di indirizzo. Il comitato ha anche il compito di valutare l’attività dell’Area Infosapienza che, adesso, ha finalmente una sua struttura operativa.

La Sapienza negli ultimi dieci anni ha visto la sua organizzazione informatica passare attraverso il modello CED (Centro elaborazione dati) a un modello amministrativo Ripartizione amministrativa (SATIS) affiancato da una struttura scientifica (CITICORD) fino a questo assetto che riunisce tutti i servizi informatici, illuminati da un consesso di docenti rappresentativi delle varie realtà federali e rettorali con l’aggiunta di alcune nomine, studentesche e del personale tecnico amministrativo.

In questi anni l’innovazione tecnologica e le conseguenze dell’accesso telematico generalizzato hanno cambiato la qualità del lavoro. L’ICT raccoglie su di sé  il peso e le aspettative di tutti: studenti, docenti e il resto del personale.

L’informatica crea valore e modifica nel profondo i processi e l’organizzazione. Per questo l’ICT non deve essere il terreno degli egoismi e delle visioni miopi. Deve essere una struttura flessibile, reticolare e interdisciplinare. Pronta a raccogliere le istanze, le idee e le innovazioni provenienti dalla vivace comunità universitaria. Trasparente quando tutto funziona, riconoscibile e individuabile quando (inevitabilmente) qualcosa non va per il verso giusto.

Un augurio di buon lavoro a tutti i colleghi dei quali conosciamo l’impegno, lo spirito di servizio e la competenza.

One Comment

Trackbacks

  1. Riforma Sapienza e web: alcune idee 2 « Web Sapienza

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: