Skip to content

La riforma e il webdesign

30 ottobre 2009
by

Dal punto di vista del webdesign e della progettazione dei siti ogni operazione di razionalizzazione, semplificazione e trasparenza dell’organizzazione universitaria è benvenuta.

Chiunque si avvicini alla progettazione del portale della Sapienza sa quanto è difficile e “innaturale” tener conto di un modello accademico che non corrisponde al modello mentale di un utente studente/cittadino.

Il limite massimo di 12 facoltà è – secondo me – un’ottima cosa. Anzi mi permetto di chiedere come mai si è perso tanto tempo per dibattiti estenuanti sugli Atenei Federati mentre la soluzione era semplice, cercare di raggruppare aree affini dal punto di vista disciplinare e scientifico. Se l’università avesse intrapreso questa strada per tempo non avremmo dovuto affrontare il problema pungolati e obbligati da una legge.

Mi pare di capire che per i dipartimenti si aprano nuove sfide: ad esempio il pieno affidamento dell’attività didattica (approfondiremo questo aspetto su wordsapienza).

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: