Skip to content

Il gusto della citazione

26 febbraio 2010
by

Può essere utile – a volte – inserire una frase o una citazione nelle nostre pagine web. L’importante è non esagerare e cercare di non prendere troppo spazio con una frase che, alla lunga, non contiene un valore informativo molto alto.

Usata al posto di un’immagine (ma nettamente definita rispetto al testo) può avere il suo perché. Attenzione però a non cadere nell’autoreferenzialità o nell’erudizione fine a se stessa (ammesso che la citazione coincida con l’erudizione): ricordiamoci che una frase, che per noi ha un valore e un contesto ben definiti, per un visitatore potrebbe non avere senso (per ignoranza o per altri limiti). La pagina web non è la sede per dissertazioni e non dobbiamo rischiare di mandare in confusione il nostro utente.

***

Nella Home page di Psicologia 1 campeggia una citazione (che occupa circa un terzo dell’home page) di George Herbert Mead e la copertina dell’American Phrenology Journal. N° X March 1848. Una scelta che avevamo commentato un anno fa.

Sul canale studenti di http://www.uniroma1.it sono pubblicate delle citazioni. Ad ogni aggiornamento della pagina seguono citazioni di autori diversi. Un vezzo da webmaster che non ci sentiamo di criticare: la discrezione della collocazione (in basso a destra) e la cornicetta aggiungono quel po’ di ‘scoperta’ che non deve mancare in una pagina web.

Infine… un uso della citazione che è un po’ un’autocitazione (nel senso che è la soluzione da me preferita). Nella pagina che descrive il progetto di Sapienzawireless, un box con il gradino contiene la famosa citazione di Metcalfe. Fateci sapere se avete altre idee o segnalazioni. Prossimamente pubblicheremo il css per realizzare il box con il gradino.

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: