Skip to content

Statuto Top-Down

22 marzo 2010

Finalmente è uscita la bozza dello Statuto dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, denominata brevemente “Sapienza, Università di Roma”.

Il 23 marzo verrà presentato al Senato Accademico per l’approvazione(*).

La Bozza è stata pubblicata sul web in formato PDF [nuova finestra] con indirizzo isolato (cioè non linkato da altre pagine del sito universitario).

La CgilSapienza ha pubblicato la lettera del rettore inviata in mailing list (con il link alla bozza) e ha aperto i commenti. La bozza è scaricabile anche dal blog del Coordinamento Nazionale Precari dell’Università (CGIL) raggiungibile da un post. La discussione sullo Statuto è oggetto di dibattito anche attraverso la neonata (e già vivace) mailing-list dei bibliotecari della Sapienza.

La comunità universitaria e l’opinione pubblica può dibattere, criticare o sostenere l’annunciata riforma della Sapienza, una riforma che anticipa – in uno dei più importanti atenei italiani – le disposizioni e la riforma annunciata dal Governo.

Le modalità  di presentazione dello Statuto  (compreso il nuovo assetto delle strutture – dipartimenti, facoltà –  ) hanno seguito una procedura  che potremmo definire top-down. Visioni generali dall’alto e discusse dai vertici, annunci a mezzo stampa,  procedure istituzionali di approvazione e consenso.

***

Adesso che il Rettore e le autorità accademiche hanno dettato l’agenda, sarà interessante verificare come si esprimerà il dibattito e quali strade i soggetti interessati sceglieranno per esprimersi. Noi saremo qui per raccontarlo.

(*) Aggiornamento
Sembrerebbe che la trafila per l’approvazione sia più lunga del previsto.

Sull’argomento:

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: