Skip to content

1. Scrivere un documento di progetto. Gli utenti

25 maggio 2010
by

Le ipotesi di Linee Guida per la razionalizzazione e  il miglioramento dei servizi web sono state scritte con l’intento di indicare un metodo di lavoro per la progettazione. Sono preliminari alla realizzazione vera e propria di un progetto web. Proseguiamo a ragionare sul metodo di lavoro proponendo qui, e nei prossimi post le cose da fare. Per motivi di studio.

Tutti noi vorremmo fare nostra l’affermazione centrare la progettazione sull’utente. Come molti propositi rischia di diventare uno slogan vuoto e senza effetti pratici.

Gli utenti sono come gli animali della fattoria di Orwell: sono tutti uguali ma qualcuno è più uguale degli altri. Ci sono gli utenti che decidono (i committenti, i responsabili, le autorità istituzionali), quelli che chiacchierano troppo (una categoria che somma i veri competenti e i presuntuosi) e infine quelli che non capiscono niente (forse la categoria migliore).

Il rapporto tra progetto e utenti è un processo. E processo è inteso in tutte le sue sfumature semantiche di successione di fatti e fenomeni, confutazione di argomentazioni attraverso le prove, trattamento e procedimento tecnico. L’obiettivo è ascoltare, dialogare e capire l’utente e riuscire a formalizzare il design risultante.

Tornando al processo (questa volta in senso giuridico), la corte (il team di progetto) ascolta le parti senza intimorire o esserne intimoriti. La Giuria coglie tutte le sfumature di una testimonianza anche se confusa, parziale o logorroica. Ascolta le dichiarazioni e le requisitorie e poi decide: in conformità alle leggi e in piena coscienza.

La difficoltà pratica di questa metodologia è che essa è lunga, difficile e spesso infruttuosa.
Penso che un buon metodo sia quella di articolare forme diverse di ascolto a seconda del temperamento e delle conoscenze della persona che si vuole ascoltare. Ad esempio le persone timide e insicure possono trovarsi a proprio agio con delle interviste/chiacchierate con uno dei progettisti.
La richiesta di memorie ‘scritte’ o preparazione di seminari di approfondimento potrebbe essere il metodo per affrontare le persone che hanno competenze specifiche e anche – perché no – per smascherare i presuntuosi. Anche la somministrazione di questionari può essere utile per certi tipi di soggetti. Riguardo ai committenti (le autorità eccetera) sarebbe utile riuscire a ‘svelare’ gli intendimenti e le ambizioni, riuscire cioè a definire gli obiettivi di medio e lungo periodo e infondere la fiducia sulle nostre capacità di onorarli.

Nei prossimi articoli cercheremo di entrare nel merito e proporre l’elaborazione di un documento di progetto.

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: