Skip to content

Linee guida siti PA. Versione definitiva

27 luglio 2010

Sono uscite le Linee guida per i siti web della PA.

La versione preliminare (marzo di quest’anno) ha ispirato una serie di riflessioni su questo blog e la stesura di ipotesi di linee guida per i servizi web della Sapienza.

4 commenti
  1. Francesco permalink
    30 luglio 2010 1:18 pm

    Finalmente qualcosa (linea guida, protocollo, etc.) da seguire.
    Nella jungla dei siti web della Sapienza (cattedre, corsi di studio, dipartimenti, etc.) a mio avviso occorre uniformarCI.
    Un risultato è stato raggiunto con i Template dell’identità visiva, ma in giro si vedono ancora siti blu, gialli e verdi!
    E i Dipartimenti che già hanno sperimentato il Template godono di troppa libertà nella gestione delle pagine web.
    Ad esempio: i comandi AMMINISTRAZIONE…SEDI…CONTATTI oppure Docenti… Convenzioni…Bandi…dovrebbero essere rigorosamente rispettati per evitare che i siti dei Dipartimenti siano diversi tra loro e quindi anche il contenuto/qualità dell’informazione offerta all’utente.

  2. fcarnera permalink
    30 luglio 2010 4:47 pm

    Le linee guida (di cui noi abbiamo presentato solo un modello di riferimento, un metodo) possono essere utili come strumento di governo dei servizi web della sapienza.

    A rischio di apparire velleitario mi piacerebbe che l’adesione agli standard tecnici (accessibilità e usabilità) e agli obblighi sui contenuti da veicolare avvenisse come adesione condivisa dei titolari delle strutture e dei tecnici chiamati ad assolvere ai compiti di progettazione.

    Il ‘reparto’ ‘IT dell’università dovrebbe fornire infrastrutture, template, dati aperti interoperabili e assistenza.

    Le esperienze come websapienza possono aiutare a creare un giusto clima ‘creativo’ e di condivisione delle buone pratiche.

    Gli utenti (destinatari finali dei nostri sforzi) dovrebbero avere voce e canali per poter giudicare e valutare il nostro lavoro.

    Le “limitazioni delle libertà” non mi sono mai piaciute sopratutto in campo universitario.

  3. Francesco permalink
    31 luglio 2010 9:05 pm

    Linee guida, template, etc. a mio avviso devono essere seguiti altrimenti non avrebbero motivo di esserci. Anche perchè nascono dalla necessità di risolvere un “problema”. E nel caso del template penso che il problema fosse la vistosa eterogeneità del design dei siti web.
    Va bene l’iniziativa da parte di “creativi” capaci di sperimentare nuovi strumenti, soprattutto quelli funzionali, che consentano uno scambio con l’utente (nel nostro caso lo studente). E’ così che il sistema cresce e diventa più efficiente. E nel web c’è molto da “sfiziarsi”…e confido in questo blog come strumento di scambio e condivisione delle buone pratiche.
    Anche io sono per la libertà di “espressione” sul web, ma questo non può andare a scapito della identità della struttura di riferimento (l’università) ed andare ad inficiare la qualità dell’informazione.
    Vi iMMaginAte un gIOrnalE cOn Una pAGina gIaLla ed unA Blu…UNa sCritTa con Un caRaTtere E l’AltRa coN uN carATteRe DivERso ed una dIMenSiOne dIVersa.
    Non so se sono stato chiaro…

  4. 2 agosto 2010 5:35 am

    Assolutamente d’accordo. Abbiamo anche cercato di indicare alcun errori comuni che ‘inficiano’ la qualità del’informazione

    http://www.websapienza.org/lista-dipartimenti/errori-comuni

    Più chiaro di così!😉

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: