Skip to content

Intranet 2.0

10 gennaio 2011
by

Intranet 2.0 di Giacomo Mason Ed. Tecniche Nuove 2010.

Manuale, saggio teorico, repertorio. È abbastanza insolito trovare questi ingredienti ben mescolati in unico libro.

L’autore Giacomo Mason, già webmaster Telecom e ora consulente freelance per le aziende per la progettazione di Intranet e community, riesce a trattare gli argomenti con grande competenza ma senza sconfinare nella ridondanza evangelica propria di molti autori – sopratutto d’oltreoceano, evitando comunque il recinto angusto del manuale tecnico.

Nella prima parte l’autore definisce l’oggetto del suo lavoro raccontando la metamorfosi dal vecchio modello di intranet (definito 1.0) verso le nuove forme di collaborazione, comunicazione e gestione della conoscenza.
Il percorso verso una socializzazione reale della conoscenza è difficile. Avviare un progetto di Intranet si scontra con modalità, culture e tecnologie fortemente radicate. La intranet collaborativa è una scommessa culturale, e chi si accosta a questi progetti pensando solo al lato tecnologico o al lato metodologico si scontrerà di fronte a muri di gomma [pag. 21].

Modelli astratti di gestione della conoscenza (Knowledge management) hanno generato mostri: piattaforme per il solo deposito di documenti, comunicazioni istituzionali ‘dall’alto’, informazione trattata come conoscenza (e viceversa), partecipazione ridotta all’inserimento (o all’invio) di file word.

La seconda parte è dedicata agli strumenti. Dal vecchio amico forum, alle faq fino agli strumenti più moderni come il wiki, il blog, il microblogging. Argomenti convincenti (almeno per me) contro l’uso delle mail (primo paragrafo del Capitolo 8: Ripetete con me:l’e-mail non fun-zio-na).

La questione vera da afferrare è come trasformare in risorsa disponibile l’enorme bagaglio di conoscenza che ‘produciamo’ nel nostro lavoro. La frustrazione maggiore di un tecnico (ma credo che si possa estendere anche ad altre figure professionali) è il non riuscire a socializzare le proprie conoscenze e non ottenere soluzioni rapide e efficaci nella pratica di lavoro quotidiano.

Ad un click dalle nostre pesanti applicazioni web, a dieci centimetri dai nostri telefoni e ad un passo dalle nostre sale riunioni esistono strumenti e applicazioni utili, semplici e popolari.

Nella terza parte, Mason si occupa della progettazione vera e propria: dall’architettura informativa dell’intranet alla governance (interessante il modello di redazione centrale e distribuita, con un comitato editoriale). Corredano il libro due corposi saggi: il primo di Alberto Mucignat su “Ricerca e design con utenti: metodi e pratiche per le intranet”, il secondo di Emanuele Quintarelli su “Tecnologie a supporto”.

Una nota conclusiva riguarda la ‘cornice’ del libro e che riguarda la nostra università. La prefazione e la postfazione sono curate rispettivamente da Patrizio di Nicola (docente di Sistemi organizzativi complessi) e Marco Stancati (“Pianificazione dei media nelle strategie d’impresa” e “Comunicazione di impresa).

***

Torneremo sicuramente sugli argomenti del libro sopratutto alla luce delle disposizioni legate alla cosidetta Produttività collettiva. Ci riesce veramente difficile pensare all’efficacia e raggiungibilità degli obiettivi senza pensare ad una modalità di condivisione e di collaborazione.

3 commenti
  1. walter permalink*
    10 gennaio 2011 7:40 pm

    Bel post, complimenti!

  2. carnera permalink
    10 gennaio 2011 8:48 pm

    Grazie Walter, troppo buono. Il libro è veramente notevole ed è una fonte preziosa per tutti quelli che si occupano di questi argomenti.

  3. 11 gennaio 2011 9:22 am

    Grazie mille Carnera. Spero davvero che risulti utile.

I commenti sono chiusi.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: